Home » Edilizia sostenibile » Gres Porcellanato: Rivoluzione estetica in edilizia

Gres Porcellanato: Rivoluzione estetica in edilizia

gres porcellanato

Il gres porcellanato, o grès fine porcellanato, è una piastrella ceramica a superficie non smaltata, caratterizzata da un processo di produzione che coinvolge la pressatura di argille, feldspati, sabbie quarzifere e ossidi metallici finemente macinate (atomizzate), e la cottura a temperature di circa 1250 gradi centigradi. Questo metodo conferisce al grès una densità, compattezza e una bassissima porosità, con un assorbimento d’acqua inferiore allo 0,5%, il più basso tra tutti i prodotti da pavimento e rivestimento.

Contenuti nascondi

Sulla scala di Mohs, che misura la durezza dei materiali, il grès è classificato al numero 8. Questa scala indica come materiale più duro, il diamante con indice 10, mentre il talco è quello meno duro ed ha indice 1.

La parola grès è tratta da greificazione, che è appunto il processo di saldatura dei granuli fra loro mediante fusione. Il grès porcellanato è quindi un materiale edile che ha delle caratteristiche uniche nel suo genere e che analizzeremo una per una di seguito.

Vantaggi del Gres Porcellanato

L’enorme diffusione del grès porcellanato in edilizia la si deve essenzialmente alle sue caratteristiche fisiche. Inizialmente la diffusione è avvenuta nella pavimentazione pubblica per poi allargarsi a vari ambiti della residenza.
Questa progressione è dovuta al miglioramento tecnologico di questo materiale edile e alla sua capacità di essere sottoposto a levigatura per fornire un materiale estremamente lucido.

Non bisogna dimenticare però che i vantaggi sono anche di altra natura, fra cui quelli economici quando lo si confronta con il materiale che imita, durabilità, facilità di manutenzione, di utilizzo e posa. In particolare, se volessimo sintetizzare i vantaggi del grès porcellanato si parla di:

  • Durabilità: Il gres porcellanato è noto per la sua resistenza e durata. È un materiale robusto che può sopportare il traffico intenso e resistere all’usura nel tempo.
  • Resistenza all’acqua: Grazie alla sua bassa porosità, il gres porcellanato è altamente resistente all’acqua. Questa caratteristica lo rende adatto per pavimenti in ambienti umidi come bagni e cucine.
  • Facilità di manutenzione: La superficie del gres porcellanato è facile da pulire e richiede una manutenzione minima. È resistente alle macchie e non richiede trattamenti speciali per conservare la sua bellezza.
  • Varietà di design: Il grès porcellanato è disponibile in una vasta gamma di colori, finiture e stili. Può imitare l’aspetto di materiali naturali come il legno, il marmo o la pietra, offrendo l’opportunità di rendere l’ambiente ciò che si desidera.
  • Resistenza alle temperature estreme: Il grès porcellanato può sopportare variazioni di temperatura senza subire danni. Questo lo rende adatto per pavimenti esterni o zone con sbalzi termici.
  • Ipoallergenico: Essendo un materiale compatto e privo di pori, il grès porcellanato è meno suscettibile all’accumulo di allergeni, polvere e batteri.
  • Versatilità: È adatto per applicazioni sia interne che esterne, offre quindi la possibilità di raccordare il design interno e outdoor creando spazi continui e coerenti.
  • Sostenibilità: Molte opzioni di grès porcellanato contengono materiali riciclati e sono prodotte con processi sostenibili, riducendo l’impatto ambientale.

Non ci resta che analizzare alcuni di questi vantaggi per comprendere fino in fondo qual è il motivo per cui lo si preferisce rispetto ad altri materiali cosiddetti autentici.

Resistenza ineguagliabile ed estetica duratura

Quando si parla della caratteristica della resistenza del grès porcellanato si fa riferimento ad un particolare realmente unico: la continuità tra la superficie e il corpo della piastrella. A differenza delle piastrelle tradizionali, dove lo smalto può separarsi dal supporto, nel gres porcellanato lo strato superficiale è simile, se non identico, al corpo della piastrella. È una coesione strutturale straordinaria che garantisce una resistenza all’usura superficiale senza precedenti. Anche in ambienti ad alto traffico o esposti a sostanze abrasive, il gres mantiene un aspetto costante nel tempo. In termini di bellezza del design è una rivoluzione che effettivamente fa la differenza.
Pensiamo alla caduta accidentale di oggetti pesanti, non ci sono scheggiature grazie alla compattezza del corpo del grès che si tramutano nella sua notevole resistenza meccanica.

Resistenza meccanica e resistenza al gelo

La greificazione, la maggiore densità e la non-porosità del gres porcellanato lo rendono altamente resistente al gelo, evitando danni causati dai cicli gelo-disgelo, comuni in piastrelle porose. Da ciò deriva la sua diffusione geografica di impiego.

Grès Porcellanato effetto Legno: Eleganza senza compromessi

Il mondo dell’edilizia si evolve continuamente, e tra le opzioni più affascinanti e versatili spicca il Grès Porcellanato effetto legno. Questo materiale innovativo ha rivoluzionato il concetto di pavimentazione, elevando l’eleganza senza tempo del legno naturale in ambienti che richiedono resistenza e durabilità. Un bel passo in avanti se consideriamo la delicatezza di un materiale “vivo” che è sensibile a temperatura, luce e prodotti chimici.

Realismo dei Legni imitati

Il processo produttivo si è affinato sino al punto da rendere impossibile alla vista distinguere il vero legno dall’effetto legno del Grès.
Il Grès Porcellanato effetto legno si distingue per la sua incredibile capacità di imitare la bellezza autentica dei legni naturali. Dalle tonalità calde del rovere alle sfumature intense del noce, questo materiale offre una vasta gamma di opzioni estetiche, mantenendo la garanzia dell’aspetto naturale senza i vincoli e le vulnerabilità del legno vero.

Grès Porcellanato effetto legno senza fughe

Una caratteristica rilevante di questa soluzione è la possibilità di installazione pulita senza fughe. Questo non solo conferisce un aspetto uniforme e moderno al pavimento, ma elimina anche il fastidio della manutenzione delle fughe tradizionali. Il risultato? Un pavimento immutabile al passare del tempo che non richiede meno lavoro.

Adatto per ogni Ambiente

Il Grès Porcellanato effetto legno è la scelta ideale per una vasta gamma di ambienti. Dalla casa al luogo di lavoro, offre resistenza alle sollecitazioni quotidiane, compresi graffi, macchie e umidità. Questa versatilità lo rende perfetto per cucine, bagni, sale da pranzo e altro ancora. Il design è libero dagli schemi fissi e gli ambienti possono ripetersi nelle tonalità e nella creatività.

Formati

Il Grès Porcellanato effetto legno è disponibile in una vasta gamma di formati, a seconda dele necessità di progettazione. Dai formati più tradizionali a quelli più grandi, puoi personalizzare il tuo spazio in base alle tue preferenze. Alcuni produttori offrono formati esagonali o a doghe irregolari, il classico tocco unico che sorprende.

Vantaggi del grès porcellanato Rettificato

Il processo di rettifica dona al Grès Porcellanato un bordo preciso e retto. Questo non solo migliora l’estetica complessiva, ma facilita anche l’installazione. I bordi rettificati consentono di ridurre al minimo la larghezza delle fughe, offrendo un aspetto più pulito e moderno.

Consigli per un’applicazione senza problemi

Per garantire un’applicazione senza intoppi, assicurati di preparare adeguatamente la superficie prima dell’installazione. Rimuovi qualsiasi residuo e livella accuratamente la base. Inoltre, considera l’utilizzo di un professionista per l’installazione per ottenere i migliori risultati.

Grès Porcellanato effetto marmo – lusso e funzionalità

Il Gres Porcellanato effetto marmo è la soluzione raffinata e funzionale per arricchire gli ambienti con un tocco di lusso mantenendo alte le prestazioni pratiche. All’inizio sono stati gli ambienti commerciali che ne hanno fatto uso, poi è diventato un modo per rappresentare la continuità tra pavimento e parete in modo innovativo per il design residenziale.
Questo materiale si ispira alla bellezza intramontabile del marmo naturale, offre numerosi vantaggi che lo rendono ideale per moltissime applicazioni.

Replicazione Realistica

Una delle caratteristiche distintive del Gres Porcellanato effetto marmo è la sua capacità di replicare in modo realistico i dettagli e le venature del marmo naturale. Grazie alle moderne tecnologie di stampa digitale, questo materiale cattura l’essenza del marmo, offrendo un’alternativa più accessibile senza compromettere l’autenticità visiva. La stessa durezza del grès riflette l’essenza del marmo.

Varietà di Design

Il Gres Porcellanato effetto marmo permette di personalizzare le tonalità attraverso una vasta gamma di design e colori. Lo stile prescelto trova la sua base di colorazione e di venatura cosa che in passato appariva impossibile da ottenere. In questo caso il grès effetto marmo non si limita a riprodurre ma aggiunge qualcosa che il materiale in natura non può avere.
Dalle classiche venature grigie o bianche alle sfumature più audaci e contemporanee, questo materiale si adatta a una varietà di estetica e design di interni.

Resistenza e Durabilità

A differenza del marmo naturale, il Gres Porcellanato effetto marmo è caratterizzato dalla sua resistenza e durabilità. Non è poroso, il che significa che respinge l’umidità e previene la formazione di macchie o alterazioni nel tempo. Questa caratteristica lo rende adatto ad ambienti come bagni e cucine, dove la resistenza all’acqua è essenziale.

Facilità di Manutenzione

La superficie liscia e non porosa del Gres Porcellanato rende la pulizia un’operazione semplice. Basta una rapida passata con detergenti neutri per mantenere la sua lucentezza originale nel tempo. Questa facilità di manutenzione lo rende pratico per aree ad alto traffico e residenziali.

Applicazioni Versatili

Il Gres Porcellanato effetto marmo trova applicazione in una varietà di ambienti, dalle residenze private agli spazi commerciali di prestigio. Può essere utilizzato per pavimenti, rivestimenti murali, top cucina, e persino per creare elementi decorativi che donano un taglio di design a qualsiasi ambiente.

Sostenibilità e innovazione

Molte opzioni di Gres Porcellanato effetto marmo abbracciano pratiche sostenibili, utili per riciclare materiali nel processo di produzione. Questo impegno verso la sostenibilità contribuisce a rendere questa scelta non solo elegante ma anche moderna e rispettosa dell’ambiente.

Grès Porcellanato effetto pietra – Prestazioni avanzate

Il Grès Porcellanato effetto pietra rappresenta una soluzione tecnologicamente avanzata e strutturalmente robusta nell’ambito delle costruzioni. Esaminiamo concisamente le sue caratteristiche chiave:

  • Tecnologia di riproduzione realistica: grazie all’applicazione di avanzate tecnologie, il Grès Porcellanato effetto pietra è in grado di replicare con precisione l’aspetto e la texture della pietra naturale, è una soluzione esteticamente autentica in contesti diversi costruttivi.
  • Resistenza strutturale superiore: a differenza della pietra naturale, questo materiale offre una resistenza eccezionale e una durabilità superiore, rendendolo particolarmente idoneo per pavimentazioni e rivestimenti soggetti a stress strutturali e ambientali.
  • Gestione semplificata: la superficie non porosa semplifica le operazioni di pulizia e richiede una manutenzione minima, garantendo la conservazione delle sue caratteristiche estetiche e strutturali nel tempo.
  • Versatilità applicativa in edilizia: dal pavimento alle pareti, il Grès Porcellanato effetto pietra trova ampio impiego nelle costruzioni; solidità e stile per diverse componenti architettoniche.
  • Adattabilità a differenti contesti architettonici: la diversificazione del design consente una perfetta integrazione in vari contesti architettonici che non avrebbe possibilità di espressione estetica naturale.
  • Approccio sostenibile: alcuni produttori orientati alla sostenibilità implementano pratiche eco-friendly nella produzione del Grès Porcellanato effetto pietra, in questo modo si stanno ripetendo soluzioni coerenti con le esigenze ambientali dei progetti edilizi moderni.

Storia del Grès porcellanato – dall’invenzione all’innovazione

Il grès porcellanato, così come lo conosciamo, appare come un materiale di recente introduzione nell’edilizia comune. In effetti la sua durezza, come abbiamo visto, la si deve ad un processo di produzione molto complesso e possibile solo grazie alle tecnologie moderne.
Se dovessimo risalire all’antenato del grès allora i tempi si allungherebbero di molto nella storia fino a giungere nel neolitico. Con ciò si fa riferimento solo al processo primordiale di cottura dell’argilla sul fuoco. Invece il processo di affinamento vero e proprio parte da Sassuolo e dalla produzione del “grès rosso“ nel 1900. La necessità in quel periodo storico riguardava l’impiego pratico e funzionale, ad esempio, per la pavimentazione in opifici industriali, cantine e terrazzi. I formati delle piastrelle in grès erano essenzialmente il 7,5×15 cm realizzate con l’argilla rossa sassuolese priva di smalto.

Dal Grès Rosso alle innovazioni degli anni ‘90

La società si evolve e la richiesta di materiali di design aumenta e con ciò diminuisce l’impiego del grès rosso. Nel tempo vari tentativi cercarono di aumentare la dimensione della piastrella con scarsi risultati dovuti alle deformazioni del materiale. La sua sopravvivenza la si deve unicamente alla sua economicità. Il monocottura aveva preso quasi totalmente te la scena. Negli anni ’50 nel distretto industriale di Sassuolo la prima comparsa la pressa automatica e il forno a tunnel. L’esplosione dei consumi degli anni ’60 fino ai primi anni ’70 ha ridato energia all’impiego del grès per poi cadere ancora in una fase di stallo con le successive crisi che perdurarono in tutti gli anni ’80.

Le Innovazioni degli anni ’90

Dalla crisi nascono le idee migliori per affinare il processo produttivo. Negli anni ’90, nel distretto di Sassuolo, partono una serie di innovazioni che coinvolsero ogni fase del processo produttivo:
• Migliore selezione di argille con incremento qualitativo del prodotto semilavorato
• Maggiore precisione nella macinazione
• Utilizzo degli atomizzatori che ridussero notevolmente il diametro dell’impasto
• Stampi isostatici nella pressatura
• Forni a tunnel per arrivare ad una cottura graduale.
Queste innovazioni rivoluzionarie hanno permesso la produzione di gres con diverse colorazioni dal rosso e con formati di dimensioni finalmente superiori.

La nuova denominazione “Grès Fine Porcellanato”

La serie di innovazioni portò ad un prodotto essenzialmente diverso dal precedente, per questo motivo venne introdotta una nuova denominazione: “grès fine porcellanato”. L’accento viene posto sulla qualità superiore e sull’evoluzione che ha impresso la ricerca tecnologica.
Vale la pena conoscere questa storia italiana di eccellenza che poco spesso viene ricordata e che invece ha rivoluzionato l’estetica in edilizia in tutto il mondo. Vediamo nel dettaglio come diverse innovazioni hanno cambiato il grès porcellanato.

La Macinazione del grès porcellanato

Si assiste ad un progresso sostanziale quando la macinazione passa da processo a secco a umido. La qualità della barbottina ceramica incrementa notevolmente perché si possono utilizzare migliorie nelle miscele di argilla. Questa evoluzione la si deve anche al passaggio dai mulini discontinui a continui.

Atomizzazione e Pressatura

Con l’atomizzatore si assiste alla trasformazione della barbottina ceramica in particelle microscopiche, più densamente accoppiate. Si usano presse sempre più potenti, raggiungendo anche 100.000 kN, assicurando così la produzione di prodotti crudi con densità elevata e bassissima porosità. Gli stampi isostatici garantiscono una pressatura equilibrata e una densità costante nel crudo.

Cottura a tunnel e precisione estrema

Il formato e la geometria del materiale cambiano definitivamente quando si introducono i forni a tunnel lunghi oltre 100 metri. La curva di cottura raggiunge livelli di precisione estremi tra fasi di riscaldamento e raffreddamento, le deformazioni del prodotto finito, diventano un lontano ricordo.
Si arriva così alla trasformazione del prodotto finito da piccolo formato a un materiale moderno e raffinato.

Dalla selezione delle materie prime all’affinamento di design

Come avviene oggi la produzione del Grès porcellanato? Partiamo dalla prima fase che a seguire permette le successive in uno schema rigido e sequenziale.

Selezione accurata delle materie prime

Il processo produttivo del grès fine porcellanato parte dalla preparazione del mix dell’impasto, che utilizza materie prime naturali come terre argillose, feldspati e quarzi. La qualità delle materie prime è essenziale per ottenere una piastrella di elevata qualità e resistenza. Questo fattore ha diretta influenza sul prezzo finale del prodotto.

Il Ciclo produttivo

La miscela di argille e minerali viene finemente macinata ad umido e pressata con presse idrauliche, successivamente cotta a temperature che arrivano a 1250 gradi in un ciclo medio di un’ora. La fine macinazione delle argille contribuisce alla resistenza del grès, poiché permette compattazione e assenza di aria all’interno della piastrella.

Evitare le deformazioni

La sfida principale nel processo di produzione del gres porcellanato è rappresentata dal significativo ritiro durante la fase di cottura, un fenomeno che potrebbe causare deformazioni geometriche rilevanti. Tuttavia, l’introduzione della pressatura isostatica, l’utilizzo di essicatoi moderni e la calibrazione precisa della crescita di temperatura nei forni hanno affrontato con successo tali sfide. Queste fasi, fondamentali nel processo produttivo, contribuiscono in modo efficace alla formazione di un gres resistente e di elevata qualità.

L’Innovazione estetiche del gres porcellanato

La vera rivoluzione del grès porcellanato riguarda l’estetica, questo prodotto ha assunto nobiltà grazie alla sua duttilità. Il grès porcellanato può essere denominato in diversi modi a seconda della peculiarità ricercata dal design.

Imitazioni e decorazioni: Arte e design

Il gres porcellanato si trasforma in un elemento di design e arredamento poiché è capace di emulare pietre preziose, marmi estinti, effetti metallici o legni esotici. Sorprendentemente, può persino imitare materiali altrimenti impossibili da ottenere nella realtà. Ma da dove nasce questa componente estetica che lo eleva al di sopra di altri materiali?

L’estetica

Nelle prime fasi del processo produttivo, si faceva ricorso a una distribuzione casuale di polveri sugli stampi per emulare le venature di marmi e pietre. Pur essendo una tecnica elaborata, questa consentiva solo leggere variazioni cromatiche e sfumature, distante dalle possibilità decorative offerte dalla monocottura smaltata. L’aumento della domanda di soluzioni esteticamente accattivanti ha dato vita a prodotti dall’alto impatto visivo:

  1. Gres Porcellanato Levigato: La piastrella in gres viene levigata a specchio tramite mole abrasive, seguendo un processo simile a quello utilizzato per marmi e graniti.
  2. Grès Porcellanato Lappato: Sottoposto a una procedura simile alla levigatura, ma in modo più delicato, conferisce alla piastrella una finitura leggermente liscia, semplificandone la pulizia.
  3. Gres Porcellanato Smaltato: Attraverso l’applicazione di smalto sulla superficie prima della cottura, il gres porcellanato smaltato ottiene un notevole miglioramento nella resa estetica.

Queste innovazioni estetiche trasformano il gres porcellanato da mero materiale tecnico a una componente di design.

Grès o parquet? Scegliere tra tradizione e innovazione

Quali sono le differenze tra Grès effetto legno e parquet?

Con l’avvento del grès effetto legno, possiamo mettere a confronto tra il calore tradizionale del vero parquet e la versatilità di un prodotto ceramico che lo emula. Ma quali sono le distinzioni chiave tra questi due materiali?

  • Calore e accoglienza del parquet: Descritto come caldo, accogliente e delicato, il pavimento in parquet è spesso un prefinito a due strati o un legno multistrato a tre strati. Il vero legno offre una vasta gamma di colorazioni e finiture. Personalizzazioni come sbiancature, spazzolature e lavorazioni ad effetto sega sono le richieste del mercato. Il grès porcellanato effetto legno mantiene la promessa dell’evocazione dl disegno ma diventa facile da installare e infinitamente meno delicato da manutenere.
  • Il Grès non teme l’acqua: Il grès porcellanato, con la sua bassissima porosità e assorbimento d’acqua praticamente nullo, supera il parquet nella resistenza all’acqua e all’umidità. Questa caratteristica lo rende adatto a qualsiasi ambiente, compresi quelli con presenza costante d’acqua.
  • Resistenza ai graffi del grès: Il legno è notoriamente suscettibile a graffi e usura, ma il grès porcellanato effetto legno sfida tali preoccupazioni. La sua resistenza ai graffi lo rende adatto per l’uso in locali pubblici o centri commerciali, dove il traffico intenso potrebbe danneggiare il pavimento in legno.
  • La macchia non è un problema per il grès: Grazie alla bassissima porosità, il grès porcellanato non assorbe sostanze e non si macchia facilmente. Pulire una macchia è semplice, rendendo questo materiale ideale per cucine, bagni e altri ambienti soggetti a potenziali schizzi o versamenti.
  • Resistenza al calore e al fumo del grès: Le lastre in ceramica effetto legno resistono al calore e sono classificate come materiale incombustibile. Ciò significa che non si anneriranno a contatto con oggetti caldi o sigarette, a differenza del parquet che potrebbe subire danni.
  • Adatto all’esterno perché resistente al gelo: Il grès effetto legno è adatto anche per spazi esterni, resistendo al gelo e alle intemperie senza scolorire o ingrigire. A differenza del parquet naturale, non richiede trattamenti periodici di protezione e manutenzione.

La scelta tra grès e parquet dipende dalle esigenze specifiche, ma la versatilità e la praticità del grès porcellanato effetto legno ne fanno una soluzione moderna e funzionale per una vasta gamma di applicazioni.

Naturalezza vs Artificialità: aspettative senza sorprese

La naturalezza del legno può non sempre corrispondere alle aspettative dei clienti, che potrebbero essere sorpresi da tonalità o venature inattese. Al contrario, il grès effetto legno, prodotto artificialmente, offre una pre-determinazione dell’aspetto, rispettando le attese senza sorprese.

Compatibilità con impianto di riscaldamento

Il grès porcellanato si adatta perfettamente agli impianti di riscaldamento a pavimento grazie alla sua elevata conducibilità termica. Questo è in netto contrasto con il legno, che essendo un isolante richiede una gestione più attenta.

Grès porcellanato effetto marmo o Marmo vero?

Nessuna sorpresa alla consegna. Il marmo, essendo un materiale naturale, può presentare variazioni inaspettate alla consegna, come venature indesiderate o sfumature impreviste. Il grès, invece, offre grafiche ben definite, eliminando sorprese indesiderate.

Leggerezza e facilità di posizionamento

Il grès porcellanato permette di posare grandi formati con uno spessore minimo, semplificando il trasporto e la posa rispetto al marmo, che richiede spessori maggiori per formati simili.

Costo inferiore

Il grès porcellanato è generalmente più conveniente del marmo, specialmente quando si confronta con marmi rari e preziosi. Anche la posa del grès è più economica rispetto a quella del marmo.

Resistenza alle condizioni atmosferiche esterne

Molte tipologie di marmo soffrono degli agenti atmosferici all’esterno, mentre il grès, inassorbente, resiste al gelo, alle temperature estreme e agli sbalzi di calore.

Cosa Significa “Piastrella in gres porcellanato rettificata”?

Le piastrelle in gres porcellanato rettificato si distinguono per una lavorazione specifica, la rettifica, che interviene dopo la cottura. Nelle piastrelle comuni, il perimetro mostra una lieve curvatura, impercettibile all’occhio non esperto. Le piastrelle rettificate, invece, vengono lavorate con frese che ne squadrano perfettamente i bordi, creando angoli di novanta gradi. Ciò rende ogni piastrella praticamente identica in termini di dimensioni, compreso lo spessore, evitando le curvature tipiche.

Vantaggi del Gres Rettificato

  1. Uniformità nella Posa: Le piastrelle rettificate, essendo tutte uguali, semplificano notevolmente il processo di posa, consentendo fughe sottili.
  2. Facilità di Posa: La posa di piastrelle rettificate è più agevole rispetto a piastrelle comuni, che richiedono più attenzione per nascondere differenze dimensionali.
  3. Fughe Ridotte: Le fughe tra le piastrelle rettificate possono essere notevolmente più sottili (circa 2mm o anche 1mm), conferendo un aspetto continuativo al pavimento.
  4. Durabilità e Stabilità: Fughe più sottili contribuiscono a rendere il pavimento più duraturo nel tempo e conferiscono un aspetto più stabile.
  5. Creatività nell’Abbinamento: La uniformità delle piastrelle permette una maggiore creatività nell’abbinamento di diversi modelli, creando ambienti unici.

Quando conviene utilizzare il gres rettificato?

Le piastrelle in gres porcellanato rettificato sono consigliate per chi preferisce fughe sottili, sia per motivi estetici che pratici. Le fughe ridotte conferiscono un aspetto uniforme al pavimento, eliminando saltelli tipici delle piastrelle comuni. Questa tipologia è particolarmente indicata in ambienti umidi e soggetti a sporco frequente, come bagni e cucine, poiché riducono la polvere e semplificano la pulizia.

Le tonalità più ricercate del gres porcellanato

I grandi classici non scompaiono mai, nelle tonalità più richieste del gres porcellanato ci sono le tendenze moderne e la tradizione senza tempo:

  • Beige: Una tonalità neutra, luminosa ed elegante, adatta a qualsiasi stile d’arredamento, creando un’atmosfera rilassata e accogliente.
  • Grigio: Ideale per spazi dal forte carattere contemporaneo, perfetto per progetti che abbracciano lo stile urban, conferendo un aspetto moderno e sofisticato.
  • Bianco: Una scelta classica, adatta a ambienti che richiedono molta luce, conferendo una sensazione di ampiezza e pulizia.
  • Effetto legno chiaro: Una soluzione calda e moderna, ispirata allo stile nordico, perfetta per progetti che cercano un tocco accogliente.
  • Blu: Ideale per living moderni e bagni che desiderano attirare l’attenzione, aggiungendo un tocco di colore audace e contemporaneo.

Quali sono le espressioni creative più in voga del grès?

  • Effetto pietra: L’uso dell’effetto pietra consente di creare composizioni dinamiche, rivestendo pareti in varie tonalità e formati. Può essere applicato in modo accentuato in aree specifiche, come la parete principale della zona living, o offrire una continuità senza fughe in spazi come il bagno.
  • Grandi lastre in grès porcellanato: L’utilizzo di grandi lastre permette di rivestire interamente il bagno o altre aree, creando un senso di avvolgente benessere. L’introduzione di elementi di diverso formato e colore può conferire dinamicità e focalizzare l’attenzione su particolari aree, come dietro i sanitari, la vasca da bagno o la doccia.

Il Grès porcellanato è una innovazione in campo edile che ha dato la possibilità al design italiano e non di esplorare soluzioni prima impraticabili. Nello stesso tempo l’innovazione si è spinta fino a raggiungere lo status di un grande classico che oggi on stupisce più.

FAQ Gres Porcellanato

  1. Cos’è il grès porcellanato? Il gres porcellanato è un materiale ceramico a pasta compatta, resistente, impermeabile, ipoallergenico, sicuro ed ecologico, ideale per pavimenti e rivestimenti.
  2. Cosa rovina il gres porcellanato? Il gres porcellanato può essere danneggiato da sostanze chimiche aggressive, detergenti aggressivi, oggetti appuntiti o pesanti che possono graffiare la superficie.
  3. Quanto è resistente il gres porcellanato? Il gres porcellanato è estremamente resistente all’usura, agli urti e agli sbalzi di temperatura, garantendo una lunga durata se trattato con cura.
  4. Dove si usa il gres porcellanato? Il gres porcellanato viene utilizzato comunemente in spazi interni ed esterni per pavimenti e rivestimenti, sia in residenze che in edifici pubblici o commerciali.
  5. Quanti tipi di gres porcellanato ci sono? Ci sono molti tipi di gres porcellanato disponibili, con diversi effetti, colori e grafiche, offrendo la possibilità di scegliere in base alle esigenze e preferenze.
  6. Cosa non usare sul gres porcellanato? Evitare prodotti abrasivi o aggressivi come l’acido muriatico o la candeggina. Non utilizzare spazzole dure o stracci ruvidi. Si consiglia l’uso di detergenti delicati.
  7. Come pulire e lucidare il gres porcellanato per la prima volta? Rimuovere sporco e polvere – Mescolare un detergente delicato in acqua – Passare un mop pulito sulla superficie – Asciugare bene la superficie con un panno o una spugna – Lasciare asciugare completamente prima di utilizzare l’area.
  8. Che spessore ha il gres porcellanato? Lo spessore del gres porcellanato varia solitamente tra 6 e 10 mm, ma esistono opzioni con spessori maggiori fino a 20 mm per pavimentazioni esterne o sopraelevate.
  9. In che verso posare il gres porcellanato? Il verso di posa dipende dalla configurazione della stanza e dall’effetto desiderato. Si consiglia di posare le piastrelle parallele alla luce principale per una migliore illuminazione naturale. Il verso può essere scelto anche per creare effetti ottici desiderati o allargare otticamente l’ambiente.
Parapetto in vetro: Dettagli, istruzioni e consigli per l’edilizia
Eps, polistirene espanso sinterizzato: Definizione, Applicazioni e Storia

Articoli simili

preventivi gratuiti

Compila ora questo modulo per ricevere preventivi gratuiti da diverse aziende vicino a te.

    Inviando questo modulo autorizzi il trattamento dei tuoi dati per rispondere alla tua richiesta. Per maggiori informazioni consulta la nostra Privacy Policy.