Home » Esperto edile » Pergola – Cos’è e come si costruisce

Pergola – Cos’è e come si costruisce

pergola

La pergola è un elemento di arredo per giardini, terrazzi o cortili, composto da colonne che sostengono un tetto a graticcio, spesso utilizzato come supporto per piante rampicanti. Una struttura architettonica ornamentale che arricchisce gli spazi esterni.

Il termine “pergola” deriva dal latino “pergula”, che originariamente indicava una costruzione sporgente o un balcone. Questa parola, a sua volta, è legata al verbo latino “pergere”, che significa “proseguire” o “continuare”, forse in riferimento all’estensione della struttura nello spazio esterno.

Nella sua forma moderna, la pergola serve a molti scopi: offre ombra e riparo, crea un ambiente intimo e accogliente all’aperto, e fornisce un supporto ideale le piante rampicanti. Può essere realizzata in vari materiali, si va dal tradizionale legno al moderno alluminio o PVC.

Da una semplice struttura in legno a un sofisticato sistema bioclimatico, la pergola continua a evolversi, mantenendo intatto il suo fascino millenario e la sua capacità di trasformare gli spazi esterni in vere e proprie estensioni abitabili della casa.

Cosa è una pergola: definizione e caratteristiche principali

Una pergola è una struttura architettonica esterna progettata per creare uno spazio ombreggiato e decorativo in giardini, terrazzi o cortili. Si compone di colonne verticali che sostengono un tetto a graticcio orizzontale, spesso utilizzato come supporto per piante rampicanti.

Caratteristiche principali:

  • Struttura aperta: A differenza di un gazebo, la pergola ha tipicamente un tetto aperto o semi-aperto, che permette il passaggio parziale della luce.
  • Versatilità di design: Può essere autoportante o addossata a un edificio, con forme che variano dal classico rettangolo a designs più elaborati.
  • Supporto per vegetazione: Il tetto a graticcio è ideale per la crescita di piante rampicanti come viti, glicini o rose.
  • Flessibilità dei materiali: Può essere costruita in legno, metallo, PVC o una combinazione di questi, adattandosi a diversi stili architettonici.
  • Funzione ombreggiante: Offre una protezione naturale dal sole, creando uno spazio fresco e confortevole all’aperto.
  • Definizione dello spazio: Aiuta a delimitare aree specifiche del giardino o del terrazzo, creando “stanze” all’aperto.
  • Personalizzazione: Può essere personalizzata con tende, luci, ventilatori o sistemi di riscaldamento per aumentarne la funzionalità.
  • Durabilità: Se ben costruita e mantenuta, una pergola può durare molti anni, resistendo agli agenti atmosferici.
  • Valore aggiunto: Oltre a migliorare l’estetica degli spazi esterni, può aumentare il valore complessivo della proprietà.
  • Adattabilità climatica: Le versioni moderne, come le pergole bioclimatiche, offrono una regolazione precisa della luce e della ventilazione.

La pergola è un elemento versatile che fonde architettura e natura, crea una transizione armoniosa tra indoor e outdoor della casa.

Tipi di pergole: confronto tra modelli in legno, metallo e materiali moderni

Le pergole si dividono in tre categorie basate sui materiali di costruzione: legno, metallo e materiali moderni. Ogni tipo ha caratteristiche distintive che influenzano aspetto, durabilità e manutenzione. Di seguito trovi le indicazioni specifiche per ogni tipo di pergola di modo che risultino chiare le differenze, alla fine il confronto diretto.

pergola in legno

Pergola in legno

  • Aspetto: Offrono un look naturale e caldo, ideale per ambienti rustici o tradizionali
  • Durabilità: Durano 10-15 anni con adeguata manutenzione
  • Manutenzione: Richiedono trattamenti periodici contro umidità e parassiti
  • Costo: Generalmente medio, variabile in base al tipo di legno
  • Peso: Relativamente leggere, facilitano l’installazione.

 

 

pergola in metallo

Pergola in metallo

  • Aspetto: Danno un tocco moderno e industriale agli spazi esterni
  • Durabilità: Possono durare oltre 20 anni con minima manutenzione
  • Manutenzione: Necessitano solo di pulizia occasionale e controllo antiruggine
  • Costo: Medio-alto, ma compensato dalla lunga durata
  • Peso: Più pesanti del legno, richiedono fondamenta solide.

pergola in pvcPergole in materiali moderni (PVC, alluminio, materiali compositi)

  • Aspetto: Offrono design contemporanei e finiture diverse
  • Durabilità: Eccellente, spesso superano i 25 anni
  • Manutenzione: Minima, solitamente basta una pulizia periodica
  • Costo: Inizialmente più alto, ma conveniente a lungo termine
  • Peso: Generalmente leggeri, facilitano installazione e trasporto.

Confronto diretto:

  1. Durata: Materiali moderni > Metallo > Legno
  2. Manutenzione richiesta: Legno > Metallo > Materiali moderni
  3. Versatilità di design: Materiali moderni > Metallo > Legno
  4. Costo iniziale: Materiali moderni > Metallo > Legno
  5. Appeal estetico tradizionale: Legno > Metallo > Materiali moderni

La scelta del materiale dipende da budget, stile architettonico e livello di manutenzione desiderato. Il legno offre charme naturale ma richiede più cura. Il metallo garantisce robustezza e modernità. I materiali moderni eccellono in durabilità e bassa manutenzione, ideali per soluzioni a lungo termine.

Vantaggi di una pergola: ombra, estetica e valorizzazione degli spazi esterni

Le pergole offrono molteplici benefici ecco i principali vantaggi:

Ombreggiatura efficace:

  • Creano zone d’ombra naturale, riducendo la temperatura fino a 10°C.
  • Proteggono da raggi UV dannosi, permettendo un uso prolungato degli spazi esterni.
  • Offrono un controllo della luce modulabile, specialmente con modelli orientabili.

Miglioramento estetico: 

  • Aggiungono un elemento architettonico distintivo al giardino o terrazzo.
  • Creano un punto focale visivamente accattivante.
  • Si integrano con vari stili, dal rustico al contemporaneo.

Valorizzazione degli spazi esterni:

  • Aumentano la superficie abitabile, creando una “stanza all’aperto”.
  • Definiscono aree funzionali nel giardino (zona pranzo, relax, ecc.).
  • Possono incrementare il valore immobiliare fino al 20%.

Supporto per vegetazione:

  • Ideali per piante rampicanti, creando giardini verticali naturali.
  • Migliorano la biodiversità, attirando uccelli e insetti utili.

Protezione dagli agenti atmosferici:

  • Offrono riparo da pioggia leggera e vento.
  • Con l’aggiunta di tende laterali, diventano utilizzabili in più stagioni.

Risparmio energetico:

  • Riducono il surriscaldamento degli edifici adiacenti.
  • Diminuiscono la necessità di climatizzazione interna.

Versatilità d’uso:

  • Fungono da spazio multifunzionale per pranzi, relax, lavoro all’aperto.
  • Adattabili a diverse esigenze con l’aggiunta di accessori (luci, riscaldatori).

Privacy:

  • Creano uno spazio riservato in giardini aperti o terrazzi esposti.

Durabilità:

  • Con materiali e manutenzione adeguati, durano decenni.

Personalizzazione:

  • Offrono infinite possibilità di customizzazione in termini di design e funzionalità.

Una pergola non è un semplice elemento decorativo, ma un investimento che migliora significativamente la qualità della vita all’aperto. Ci sono casi in cui la pergola si rende necessaria per migliorare le condizioni di vita interne alla casa. La dove durante il giorno batte il sole determina un riscaldamento domestico avvertibile per tutta la notte. I muri infatti di estate rilasciano il loro calore nelle ore notturne. La pergola addossata ha questa importantissima funzione.

Come progettare la pergola perfetta per il tuo giardino o terrazzo

La progettazione di una pergola ottimale richiede una pianificazione attenta. Ecco i passi fondamentali:

Analisi dello spazio:

  • Misura accuratamente l’area disponibile.
  • Considera l’orientamento solare per massimizzare l’ombreggiatura.
  • Valuta pendenze e dislivelli del terreno.

Definizione dello scopo:

  • Chiarisci l’uso principale: zona relax, area pranzo, spazio multifunzionale.
  • Determina la capacità desiderata (numero di persone).

Scelta del design:

  • Opta per uno stile che si armonizzi con l’architettura esistente.
  • Decidi tra struttura autoportante o addossata all’edificio.
  • Considera l’altezza in relazione alle piante e alla vista desiderata.

Selezione dei materiali:

  • Valuta pro e contro di legno, metallo, e materiali moderni.
  • Considera durabilità, manutenzione e budget.

Pianificazione della copertura:

  • Scegli tra tetto fisso, retrattile o a lamelle orientabili.
  • Valuta l’aggiunta di pannelli solari per un design eco-friendly.

Integrazione con il verde:

  • Seleziona piante rampicanti compatibili con la struttura.
  • Pianifica l’irrigazione e il supporto per la crescita delle piante.

Illuminazione e accessori:

  • Progetta un sistema di illuminazione per l’uso serale.
  • Considera l’aggiunta di tende laterali, ventilatori o riscaldatori.

Aspetti tecnici:

  • Verifica i requisiti di permessi locali.
  • Assicurati che la struttura rispetti le norme di sicurezza.

Budget:

  • Stabilisci un budget realistico, includendo costi di materiali e manodopera.
  • Prevedi un margine per imprevisti (circa il 10-15% del totale).

Consulenza professionale:

  • Considera di consultare un architetto o un paesaggista per progetti complessi.
  • Richiedi preventivi dettagliati a più fornitori.

Flessibilità futura:

  • Progetta pensando a possibili espansioni o modifiche future.

Drenaggio e manutenzione:

  • Pianifica un sistema di drenaggio efficace per evitare ristagni d’acqua.
  • Considera la facilità di manutenzione nel design complessivo.

Una pergola ben progettata non solo migliora l’estetica dello spazio esterno, ma ne aumenta anche la funzionalità e il valore.

Processo di costruzione: fasi e consigli per un’installazione a regola d’arte

Una road map è utile per non perdfersi in passaggi che andrebbero fatti in maniera sequenziale. Prima di costruire la tua pergola dai un occhio a questa scaletta.

Verifica dei permessi:

  • Generalmente, non serve un permesso di costruire per pergole autoportanti o addossate.
  • Il tetto non fisso e l’assenza di rischio incendio semplificano l’iter burocratico.
  • Attenzione alle distanze legali dai confini di proprietà.

Nota bene: l’aggiunta di un tetto fisso (es. lamiera) trasforma la struttura in tettoia, richiedendo permessi specifici.

Selezione dei materiali:

  • Optare per legno massiccio strutturale per robustezza.
  • Legno trattato (impregnato in autoclave) offre maggiore resistenza agli agenti atmosferici.
  • Alternative naturali: larice o rovere, noti per durabilità intrinseca.

Preparazione del terreno:

  • Livellare l’area di installazione.
  • Scavare buche per i montanti, profonde almeno 60 cm.

Installazione dei montanti:

  • Posizionare i montanti nelle buche.
  • Utilizzare una livella per garantire la verticalità.
  • Fissare con cemento a presa rapida.

Montaggio della struttura orizzontale:

  • Installare le travi principali sui montanti.
  • Aggiungere travetti secondari per il graticcio superiore.

Creazione del tetto a graticcio:

  • Disporre listelli incrociati per formare il caratteristico reticolo.
  • Assicurare ogni intersezione con viti o chiodi adatti all’esterno.

Trattamento protettivo:

  • Applicare impregnante o vernice protettiva su tutta la struttura.
  • Ripetere il trattamento periodicamente per mantenere l’integrità del legno.

Installazione di eventuali accessori:

  • Aggiungere supporti per piante rampicanti.
  • Installare sistemi di illuminazione o tende ombreggianti.

Controllo finale:

  • Verificare la stabilità complessiva della struttura.
  • Assicurarsi che tutti i collegamenti siano saldi.

Consigli per un’installazione ottimale:

  • Utilizzare ferramenta in acciaio inox per prevenire la corrosione.
  • Prevedere un leggero dislivello nel tetto per il drenaggio dell’acqua.
  • Considerare l’orientamento solare per massimizzare l’ombreggiatura.

In caso di dubbi, consultare un professionista per garantire sicurezza e conformità alle normative locali.

Pergola fai da te

Questi semplici passaggi ti saranno utili per pianificare la costruzione di una pergola fai da te. Prendi le necessarie precauzioni e fatti aiutare.

Progettazione preliminare

  • Crea uno schizzo dettagliato della pergola desiderata.
  • Annota con precisione tutte le dimensioni.
  • Usa questo disegno per compilare l’elenco dei materiali necessari.
  • Considera l’orientamento solare e l’integrazione con l’ambiente circostante.

Preparazione delle fondamenta

  • Opta per fondamenta in calcestruzzo per garantire stabilità ottimale.
  • Scegli tra due metodi di ancoraggio:
    • a) Zoccoli da avvitare nel calcestruzzo indurito.
    • b) Supporti per pali in metallo zincato da inserire nel calcestruzzo fresco.
  • • Assicura una distanza adeguata tra pali e terreno per prevenire il marciume.

Installazione dei pali

  • Posiziona i pali verticali nelle fondamenta preparate.
  • Usa una livella per garantire la perfetta verticalità di ogni palo.
  • Fissa saldamente i pali ai supporti o agli zoccoli.

Montaggio della struttura orizzontale

  • Installa le travi principali sui pali verticali.
  • Aggiungi i travetti secondari per formare il telaio del tetto.
  • Assicurati che tutte le connessioni siano robuste e a livello.

Creazione del tetto a graticcio

  • Disponi i listelli in modo da formare il caratteristico reticolo.
  • Fissa ogni intersezione con viti o chiodi resistenti agli agenti atmosferici.
  • Considera un leggero dislivello per facilitare il drenaggio dell’acqua.

Trattamento e finiture

  • Applica un impregnante protettivo su tutta la struttura in legno.
  • Scegli una finitura che si armonizzi con l’ambiente circostante.
  • Prevedi trattamenti periodici per mantenere l’integrità del legno.

Aggiunte finali

  • Installa eventuali supporti per piante rampicanti.
  • Aggiungi elementi decorativi o funzionali come illuminazione o tende.

Verifica finale

  • Controlla la stabilità complessiva della struttura.
  • Assicurati che tutti i collegamenti siano saldi e sicuri.

Consigli extra

  • Usa sempre dispositivi di protezione individuale durante la costruzione.
  • Se possibile, lavora con un assistente per maggiore sicurezza ed efficienza.
  • In caso di dubbi su aspetti strutturali, consulta un professionista.

Seguendo questi passaggi, potrai creare una pergola personalizzata e robusta, trasformando il tuo spazio esterno in un’oasi di relax su misura per le tue esigenze.

Permessi e normative: cosa sapere prima di costruire una pergola

Prima di iniziare la costruzione di una pergola, è fondamentale conoscere le normative locali e i permessi necessari. Ecco le informazioni essenziali:

1. Classificazione della struttura:

  • Le pergole sono generalmente considerate “edilizia libera” se non hanno coperture fisse.
  • Strutture con tetto permanente potrebbero essere classificate come tettoie, richiedendo permessi diversi.

2. Permesso di costruire:

  • Solitamente non richiesto per pergole classiche autoportanti o addossate.
  • Necessario per strutture con tetto fisso o chiusure laterali permanenti.

3. Comunicazione al Comune:

  • Anche se non serve un permesso, potrebbe essere richiesta una Comunicazione di Inizio Lavori (CIL).
  • Verifica con l’ufficio tecnico comunale le procedure specifiche.

4. Distanze dai confini:

  • Rispetta le distanze minime dai confini di proprietà (generalmente 1,5-3 metri).
  • Controlla il regolamento edilizio comunale per le specifiche locali.

5. Altezza massima:

  • Solitamente limitata a 3-4 metri, ma varia in base alle normative locali.
  • L’altezza influisce sulla classificazione della struttura.

6. Superficie coperta:

  • Verifica i limiti di superficie coperta nel lotto, incluse altre strutture esistenti.

7. Vincoli paesaggistici:

  • In zone di pregio storico o paesaggistico, potrebbero essere necessarie autorizzazioni aggiuntive.

8. Condomini e cooperative:

  • Ottieni l’approvazione dell’assemblea condominiale o del consiglio di amministrazione.

9. Materiali:

  • Alcuni comuni hanno restrizioni sui materiali utilizzabili, specialmente in centri storici.

10. Impianti:

  • Per illuminazione o riscaldamento, verifica la necessità di certificazioni impiantistiche.

11. Sicurezza:

  • Assicurati che la struttura rispetti le norme di sicurezza, specialmente in zone sismiche o ventose.

12. Tassazione:

  • Verifica se la pergola influisce sul calcolo delle imposte sulla proprietà.

Passi consigliati:

  1. Consulta il regolamento edilizio comunale.
  2. Contatta l’ufficio tecnico per chiarimenti specifici.
  3. Prepara un progetto dettagliato della pergola.
  4. Ottieni le necessarie approvazioni prima di iniziare i lavori.
  5. Conserva tutta la documentazione relativa a permessi e comunicazioni.

Le normative variano significativamente tra comuni e regioni. Un’accurata verifica preliminare evita problemi futuri e possibili sanzioni.

Manutenzione della pergola: consigli per preservarne la bellezza e la funzionalità

Una corretta manutenzione è cruciale per prolungare la vita e mantenere l’aspetto della tua pergola. Ecco una guida pratica:

Ispezioni regolari:

  • Effettua controlli visivi almeno due volte l’anno, in primavera e autunno.
  • Verifica la presenza di segni di deterioramento, come crepe o marciume.
  • Controlla la stabilità di giunzioni e fissaggi.

Pulizia approfondita:

  • Rimuovi detriti, foglie e ragnatele con una scopa morbida o un aspiratore.
  • Lava la struttura con acqua e detergente neutro usando una spazzola non abrasiva.
  • Evita l’uso di idropulitrici su legno o superfici delicate.

Trattamento del legno:

  • Applica un impregnante protettivo ogni 2-3 anni, o più frequentemente se esposto.
  • Carteggia leggermente prima di riapplicare il trattamento.
  • Scegli prodotti specifici per esterni con protezione UV e antimuffe.

Manutenzione del metallo:

  • Controlla e tratta eventuali punti di ruggine.
  • Applica un antiruggine seguito da una vernice protettiva se necessario.

Cura delle coperture:

  • Pulisci regolarmente teli o tessuti rimovibili.
  • Controlla l’integrità di eventuali coperture in policarbonato o vetro.

Attenzione alla vegetazione:

  • Pota regolarmente le piante rampicanti per evitare sovraccarichi.
  • Rimuovi tempestivamente piante infestanti o parassitarie.

Sistema di drenaggio:

  • Assicurati che i canali di scolo rimangano liberi da ostruzioni.
  • Pulisci grondaie e pluviali, se presenti, almeno due volte l’anno.

Controllo dei fissaggi:

  • Verifica e, se necessario, serra viti, bulloni e altri elementi di fissaggio.
  • Sostituisci immediatamente eventuali parti arrugginite o danneggiate.

Preparazione invernale:

  • Rimuovi e riponi al coperto eventuali teli o cuscini.
  • Proteggi parti sensibili con teli impermeabili in caso di forti nevicate.

Trattamento anti-parassitario:

  • Ispeziona regolarmente per segni di infestazioni (es. termiti).
  • Applica trattamenti preventivi consigliati da esperti del settore.

Ritocchi estetici:

  • Effettua piccole riparazioni e ritocchi di vernice appena noti.
  • Mantieni un aspetto uniforme con trattamenti regolari.

Documentazione:

  • Tieni un registro degli interventi di manutenzione effettuati.
  • Conserva le istruzioni e le garanzie dei materiali utilizzati.

Una manutenzione costante non solo preserva l’estetica della pergola, ma ne garantisce anche la sicurezza e la funzionalità nel tempo.

FAQ della Pergola

Quali sono le pergole senza permessi?

Una recente sentenza del TAR della Calabria ha portato una ventata di chiarezza nel mondo dell’edilizia leggera. Il 3 aprile 2024, il Tribunale Amministrativo Regionale ha emesso una decisione che farà tirare un sospiro di sollievo a molti proprietari di casa e appassionati di outdoor living.

In sostanza, il TAR ha confermato che pergole bioclimatiche e pergotende rientrano nella categoria dell’edilizia libera. Cosa significa questo in pratica? Semplicemente che non c’è bisogno di passare attraverso la trafila burocratica per ottenere permessi o presentare titoli autorizzativi per installare queste strutture.

Questa decisione è particolarmente significativa perché riconosce che queste installazioni, pur migliorando notevolmente la vivibilità degli spazi esterni, non alterano in modo permanente gli edifici o le aree su cui vengono montate. È una distinzione importante che le separa nettamente da interventi edilizi più sostanziali.

Anche se la sentenza è tecnicamente limitata alla regione Calabria, potrebbe avere ripercussioni più ampie, influenzando l’interpretazione delle norme in altre parti d’Italia. Potrebbe essere l’inizio di un approccio più uniforme e semplificato a livello nazionale.

Per i proprietari di casa, questo significa meno burocrazia e più libertà nel migliorare i propri spazi esterni. Tuttavia, è sempre saggio verificare eventuali regolamenti locali o condominiali prima di procedere con l’installazione.

In definitiva, questa sentenza del TAR Calabria rappresenta un passo avanti verso la semplificazione burocratica, aprendo la strada a un più facile abbellimento degli spazi esterni delle nostre case. Potrebbe essere il segnale di un cambiamento più ampio nell’approccio all’edilizia leggera in Italia.

Che differenza c’è tra tettoia e pergolato?

Parlando di strutture esterne, c’è spesso un po’ di confusione tra tettoie e pergolati. Vale la pena fare un po’ di chiarezza, perché le differenze non sono solo estetiche, ma hanno anche implicazioni pratiche e legali.

Le tettoie sono le “sorelle maggiori” in questa famiglia di strutture esterne. Sono robuste, solide e costruite per durare. Pensate a una tettoia come a un’estensione permanente della vostra casa: una volta installata, non è qualcosa che sposterete facilmente. La sua copertura è generalmente fissa e resistente, progettata per affrontare ogni tipo di condizione meteorologica.

I pergolati, d’altra parte, sono le strutture più “leggere” e flessibili. Sono come un abito elegante per il vostro giardino o terrazzo: belli da vedere, ma facili da cambiare se vi stancate. La loro struttura è meno invasiva, spesso si integra armoniosamente con l’ambiente circostante. E la copertura? Beh, quella è la parte divertente dei pergolati. Potete giocare con tende, piante rampicanti o pannelli removibili, cambiando l’aspetto e la funzionalità a seconda delle stagioni o del vostro umore.

Questa distinzione non è solo una questione di design. Dal punto di vista normativo, tettoie e pergolati possono essere trattati diversamente. Le tettoie, essendo strutture più sostanziali, spesso richiedono permessi e autorizzazioni. I pergolati, grazie alla loro natura più leggera e temporanea, godono spesso di una regolamentazione più flessibile.

Quando il pergolato non richiede autorizzazioni del Comune?

Il pergolato, nella sua forma più classica, è una struttura leggera pensata per accogliere piante rampicanti, offre ombra naturale e un riparo minimo. Non ha bisogno di permessi particolari. Le cose cambiano drasticamente quando si decide di coprirlo con materiali solidi come alluminio o legno. In questo caso, il pergolato si trasforma essenzialmente in una tettoia agli occhi della legge, richiedendo quindi un regolare permesso di costruire per la sua installazione.

Che differenza c’è tra gazebo e pergolato?

La pergola è ancorata al muro, mentre il gazebo è una struttura indipendente e facilmente spostabile.

Sanitari a Filo Muro problemi e soluzioni
Come togliere la muffa dai muri

Articoli simili

preventivi gratuiti

Compila ora questo modulo per ricevere preventivi gratuiti da diverse aziende vicino a te.

    Inviando questo modulo autorizzi il trattamento dei tuoi dati per rispondere alla tua richiesta. Per maggiori informazioni consulta la nostra Privacy Policy.